Obicà, il primo Mozzarella Bar al mondo

Milano, 6 febbraio 2018 – Obicà, il primo Mozzarella Bar al mondo, aggiunge un tocco mediterraneo allo Speciale del Mese di febbraio con il Pistacchio Verde di Bronte, una varietà di pistacchio a Denominazione di Origine Protetta e Presidio Slow Food.

I piatti protagonisti dello Speciale del Mese di febbraio sono tre:
➢ IL TORTINO
Tortino di Pistacchio Verde di Bronte con Ricotta di Bufala Campana DOP, Mortadella di Prato e Patate
➢ LA PIZZA
Mozzarella di Bufala, Ricotta di Bufala Campana DOP, Mortadella di Prato e Pistacchio Verde di Bronte (Disponibile anche con Farina Integrale 100%)
➢ IL DOLCE
Panna Cotta al Pistacchio Verde di Bronte con Ricciolo di Cioccolato Fondente

Il Pistacchio Verde di Bronte è un frutto che arriva direttamente dal cuore della Sicilia, dove ulivi, aranci, fichi d’India, mandorli, castagni, noccioli, viti e pistacchi crescono rigogliosi uno accanto all’altro su un suolo contraddistinto da terre vulcaniche e argillose, coltivate e tramandate da secoli, di generazione in generazione.

Grazie ad Obicà a febbraio il gusto del vero Pistacchio Verde di Bronte può essere gustato insieme ad altri prodotti d’eccellenza, come la Mortadella di Prato e la Ricotta di Bufala Campana DOP, che rappresentano alla perfezione i sapori della tradizione italiana. Convivialità, ingredienti di prima qualità, piatti da condividere e stile contemporaneo sono le parole chiave del successo internazionale del Mozzarella Bar, che ogni mese aggiunge un fuori menù davvero speciale!

Non resta che andare a provare le nuove proposte in uno dei 10 Obicà italiani, dove trovarli? Basta andare sul nuovo sito www.obica.com per scoprire il ristorante più vicino, i menù e le curiosità legate agli ingredienti.

Qualche curiosità sul Pistacchio Verde di Bronte: a Bronte la pianta di pistacchio è chiamata “scornabecco”, che deriva dallo spagnolo “cornicabra” (corno di capra). In cucina I pistacchi sono utilizzati in tantissimi modi: come ingrediente per dolci e gelati, come frutta secca usata per insaporire i salumi e per fare il pesto alla brontese, varietà tutta sicula del pesto genovese.


Milano Social Media

CONDIVIDI
Articolo precedentePensavo fosse